Strumenti Musicali Africani: Nomi e Curiosità

La bellezza degli strumenti musicali africani e il loro fascino attirano l'attenzione di musicisti di tutto il mondo, che cercano di incorporare tali strumenti nella loro musica, tutto su questi strumenti ecco qui.
Da Mario Bonetti
Mario Bonetti
Recensito da Mario Bonetti
Autore
Mario è uno scrittore professionale che sempre ha qualcosa in mente per mostrare al mondo. Con infinita curiosità Mario sempre esplora il mondo musicale specialmente nel c Leggere più
Fatto Controllato Giuseppe Grillo
Giuseppe Grillo
Recensito da Giuseppe Grillo
Consulente Esperto
Giuseppe è un musicista professionale con l’esperienza più di 5 anni nello studio di registrazione. Avendo lavorato con tanti musicisti ha deciso di condividere con gli Leggere più
Aggiornato Apr., 2023
Aggiornato Apr., 2023
Audioaccademia è supportato dal lettore. Possiamo guadagnare una commissione attraverso i prodotti acquistati utilizzando i link in questa pagina. Scopri di più sul nostro processo qui

La musica africana ha una storia lunga e ricca, con strumenti musicali che variano da paese a paese e tribù a tribù. Gli strumenti musicali africani sono infatti famosi per la loro diversità e unicità, utilizzati in occasioni speciali come le cerimonie, le celebrazioni e i riti di passaggio. Questi strumenti hanno una grande importanza culturale e rappresentano il patrimonio musicale del continente.

Se sei curioso di scoprire i nomi degli strumenti musicali africani e le loro caratteristiche, leggi fino in fondo questo articolo! Insieme scopriremo i vari strumenti, tra cui gli strumenti musicali a percussione, a fiato e a corda.

Per iniziare, ecco una tabella che riassume tutti i nomi e le caratteristiche degli strumenti africani più usati.

Nome Tipo Descrizione
Agogô Idiofono a percussione diretta Due o più campane di ferro di dimensioni conico allungate e grandezze diverse, unite alla base.
Algaita Strumento a fiato ad ancia Simile ad un oboe, ma con campana più grande e fori aperti per la diteggiatura.
Atumpan Membranofono a percussione Due tamburi di dimensioni diverse, uniti tra loro da un pezzo di corda o di pelle.
Balafon Idiofono a percussione diretta Simile al xylofono, composto da piastre di legno montate su una cassa di risonanza di forma rettangolare o a mezzaluna.
Bongo Membranofono a percussione Due tamburi di dimensioni diverse, uniti tra loro.
Chiquitsi Idiofono a percussione indiretta Un cilindro di legno cavo, con una membrana di pelle animale tesa sulla parte superiore e la parte inferiore aperta.
Darabouka Membranofono a percussione Cassa di risonanza a forma di clessidra, con una membrana di pelle di animale tesa sulla parte superiore.
Djembe Membranofono a percussione Cassa di risonanza a forma di calice, con una membrana di pelle di capra tesa sulla parte superiore.
Hosho Strumento a percussione Un paio di gusci di zucca collegati tra loro da un manico o una corda e riempiti con semi o piccole pietre all’interno.
Kalimba Idiofono a pizzico Scatola di risonanza con una serie di lamelle di metallo tese sulla parte superiore.
Kayamba Idiofono a percussione indiretta Cortecce di bamboo legate insieme in modo da formare una sorta di rastrello.
Kora Cordofono Cassa di risonanza a forma di clessidra, con una lunga colonna di corde.
M’bira Idiofono a pizzico Scatola di risonanza, con una serie di lamelle di metallo tese sulla parte superiore.
Nyatiti Cordofono Cassa di risonanza a forma di calice, con un manico lungo e sottile.
Orutu Cordofono Cassa di risonanza a forma di barca o di mezzaluna, con una corda di filo di ferro tesa lungo la parte superiore della cassa di risonanza.
Sintir Cordofono Cassa di risonanza lunga e stretta, con una corda tesa sulla parte superiore della cassa di risonanza.
Shekere Idiofono a percussione diretta Una zucca secca o una sfera in fibra di vetro o in legno, avvolta da una rete di perline o di semi.
Tamburo parlante Membranofono a percussione Una cassa di risonanza a forma di clessidra, con una membrana tesa sui due lati.
Valiha Cordofono Una cassa di risonanza lunga e stretta con una serie di corde di bambù tese sulla parte superiore della cassa di risonanza.

Strumenti a percussione di origini africane

Gli strumenti musicali africani a percussione sono probabilmente i più noti. Sono usati per creare ritmi percussivi, spesso accompagnati dal canto o dalla danza. Scegliere uno di essi potrebbe essere uno dei migliori regali per batteristi! Se invece vuoi un’opzione più moderna, opta per una delle migliori batterie elettroniche per principianti, come la Alesis Turbo Mesh Kit. I più popolari includono:

Agogô

Strumento utilizzato in molte tradizioni musicali africane, caraibiche e brasiliane. Viene suonato agitando la barra di metallo con una mano, in modo da far vibrare le campane. Il suono prodotto varia a seconda della velocità e della forza dell’agitazione, producendo ritmi complessi e coinvolgenti.

Atumpan

Strumento musicale originario del Ghana. Il tamburo più grande, viene utilizzato per produrre la linea ritmica principale, mentre il tamburo più piccolo, viene utilizzato per produrre i suoni di risposta. Per suonarlo è necessario tenere i due tamburi con la corda, inclinandoli verso l’interno e utilizzare sia una bacchetta (non ti aspettare sia come suonare la batteria Mapex AR529SDW!) che la propria mano per battere sulla pelle.

Balafon

Il balafon è un importante strumento musicale nella cultura e nella storia africana, antica e moderna. Il suono è caratterizzato da un timbro caldo e pieno, che lo rende uno degli strumenti musicali più popolari dell’Africa occidentale e centrale.

Bongo

Il bongo è uno strumento musicale molto versatile, utilizzato in una vasta gamma di generi musicali, come la salsa, il jazz, la musica africana e la musica latina. Grazie alla sua portabilità e alla sua facilità di utilizzo, è diventato uno degli strumenti musicali più popolari al mondo.

Chiquitsi

Il Chiquitsi originario del Mozambico e viene utizzato in molte forme di musica africana, come la marrabenta, la semba e il kizomba. La posizione delle mani sul Chiquitsi e la forza con cui viene colpita la membrana della pelle determinano il tipo di suono prodotto, creando una vasta gamma di tonalità e ritmi.

Darabukka

Strumento originario dell’Africa del Nord. Per suonarlo basta tenerlo tra le gambe o su un supporto e colpirlo con le mani. In particolare, il suono viene creato colpendo la pelle della cassa con le mani, con il palmo che batte sulla membrana della pelle e le dita che battono sui bordi del tamburo.

Djembe

Strumento popolare. Per suonarlo occorre tenerlo tra le gambe o su un supporto e percuotere la pelle con le mani, sfruttando tecniche di colpo differenti.

Il djembe è uno strumento tradizionale del Mali. La sua diffusione è dovuta al potente stato del Mali, fondato nel XIII secolo, da cui il djembe si è diffuso in tutta l’Africa occidentale – in Senegal, Guinea, Costa d’Avorio, ecc.

Tuttavia, divenne noto in Occidente solo negli anni Cinquanta, quando l’ensemble di musica e danza Les Ballets Africains, fondato dal musicista, compositore, scrittore, drammaturgo e politico guineano Fodebe Keitagguez, iniziò a presentare spettacoli in tutto il mondo. Negli anni successivi, l’interesse per il djembe è cresciuto rapidamente e fortemente; lo strumento è oggi molto popolare e utilizzato da moltissimi ensemble musicali.

Hosho

Tipico strumento africano, originario del popolo Shona in Zimbabwe, viene utilizzato come strumento di accompagnamento in molte forme di musica africana.

Tamburo parlante

Grazie alla diversa regolazione della tensione della membrana, il Tamburo parlante se percosso è in grado di ricreare una vasta gamma di tonalità e ritmi.

Strumenti musicali africani idiofoni

Gli idiofoni Fonte affidabile Idiofoni - Wikipedia Negli strumenti musicali denominati idiofoni secondo la classificazione Hornbostel-Sachs il suono è prodotto dalla vibrazione del corpo stesso dello strumento, senza l’utilizzo di corde o membrane tese e senza che sia una colonna d’aria a essere fatta vibrare. it.wikipedia.org sono strumenti musicali africani che producono suoni battendo o sfregando parti del proprio corpo. Sono strumenti a percussione e producono il suono principalmente attraverso la vibrazione del loro corpo, senza aria, corde o membrane. I più comuni sono:

Kalimba

Strumento adatto a una vasta gamma di generi musicali, come la musica africana tradizionale, la musica contemporanea e la musica new age. Esistono anche varianti moderne, con aggiunte come il pick-up elettronico per amplificare il suono. Se ti piace sperimentare, potresti suonarlo in accoppiamento con una delle migliori batterie acustiche.

Durante la colonizzazione europea delle Americhe, la kalimba fu portata dagli schiavi neri a Cuba, dove viene suonata ancora oggi.

L’esploratore americano di musica etnica Hugh Tracy ascoltò per la prima volta la kalimba, che lo affascinò, durante una spedizione nel “continente nero” nel 1924. Tornato in patria, Hugh Tracy aprì una fabbrica di strumenti autentici. I figli di Tracey portano avanti l’eredità di Hugh e la kalimba è ancora prodotta a mano nel laboratorio di famiglia.

Kayamba

Utilizzato principalmente come strumento di accompagnamento in molte forme di musica africana, il musicista lo agita o lo sfrega con le mani, producendo un suono simile al rumore delle noci di cocco che si scontrano.

M’bira

Originario della regione Shona dello Zimbabwe, viene suonato tenendolo tra le mani e utilizzando i pollici per placcare le lamelle di metallo. La posizione delle lamelle e la loro lunghezza determinano il tipo di nota prodotta, creando una vasta gamma di tonalità e ritmi.

Shekere

Uno degli strumenti musicali più importanti della cultura africana. Viene suonato agitando la sfera in modo da far muovere le perline o i semi all’interno della rete. Il suono prodotto varia a seconda della velocità e della forza dell’agitazione.

Il musicista tiene lo strumento davanti a sé con le mani piegate, la maggior parte nella mano destra (per i destrimani), mentre la mano sinistra sostiene l’estremità stretta. Lo sheker può essere suonato in diversi modi: colpendo, scuotendo, facendo girare. Le sue possibilità musicali sono molto più ampie di quelle di una maracas simile.

Strumenti musicali africani a fiato

Gli strumenti musicali africani a fiato producono suoni soffiando nell’imboccatura. I più famosi strumenti musicali africani a fiato sono:

Algaita

Utilizzata nella musica tradizionale della Nigeria e di altri paesi dell’Africa occidentale, viene suonata soffiando nell’estremità della canna del tubo, e utilizzando le dita per coprire e scoprire i fori, producendo un suono forte e penetrante.

Strumenti musicali africani a corda

Gli strumenti musicali africani a corda producono suoni attraverso la vibrazione delle loro corde. Gli strumenti musicali africani a corda più famosi sono:

Kora

Gli strumenti musicali africani kora sono diffusi in paesi come il Senegal Fonte affidabile Senegal Stato dell’Africa occidentale che si affaccia sull’Oceano Atlantico, all’estremità occidentale del continente africano, e confina a N e a NE con la Mauritania, a E con il Mali, a S con la Guinea e la Guinea-Bissau. www.treccani.it , la Guinea, il Gambia e il Mali. Vantano ben 21 corde, solitamente di seta o nylon. Vengono suonati placcando le corde con entrambe le mani, utilizzando tecniche di dita e pollice per produrre melodie e arpeggi complessi.

Tradizionalmente, la corteccia è suonata dai griot – cantanti erranti, narratori e custodi di leggende. Sono per lo più originari della Guinea, del Mali, del Senegal, della Guinea-Bissau e del Gambia.

I maestri della corteccia sono chiamati jalis. Dopo aver raggiunto la padronanza della corteccia, un jali deve costruire il proprio strumento. La corteccia è lo strumento centrale della tradizione musicale mandinka. Viene spesso utilizzato insieme al djembe e al balafon.

Niatiti

Originario del popolo Luo in Kenya, possiede fili di ferro che fungono da corde. Viene suonato con le dita della mano destra, che placcano le corde sulla parte inferiore del manico, producendo melodie e arpeggi complessi. La mano sinistra viene utilizzata per creare accordi sul manico del Nyatiti, producendo una vasta gamma di tonalità e ritmi.

Orutu

Strumento musicale di origine africana, in particolare del Kenya e della Tanzania. Possiede una corda di filo di ferro tesa lungo la parte superiore della cassa di risonanza. Viene suonato con un arco in legno, teso con crine di cavallo, che viene passato lungo la corda di ferro.

Sintir

Utilizzato dalla popolazione Gnawa, viene suonato con le dita della mano destra, che placcano le corde sulla parte inferiore del manico, producendo melodie e arpeggi complessi. La mano sinistra viene utilizzata per creare accordi sul manico del Sintir, producendo una vasta gamma di tonalità e ritmi.

Valiha

Originario dell’isola del Madagascar, è spesso utilizzato in combinazione con altri strumenti tradizionali o la voce. Il Waliha è apparso in Madagascar dopo le migrazioni malesi ed è imparentato con diversi strumenti bastar (bhuyabaja) malesi-indonesiani, vietnamiti e indiani.

Musica tradizionale del Africa

La musica tradizionale dell’Africa, data la vastità del continente, è storicamente antica, ricca e variegata: le diverse regioni e i diversi popoli africani hanno molte tradizioni musicali diverse. La musica in Africa è molto importante quando si tratta di religione: i canti e la musica sono utilizzati nei rituali e nelle cerimonie religiose per trasmettere le storie di generazione in generazione, oltre che per cantare e ballare.

Nella maggior parte del continente, la musica tradizionale viene tramandata di generazione in generazione oralmente (o a orecchio) e non viene registrata. Le tradizioni musicali dell’Africa subsahariana si basano spesso su una varietà di strumenti a percussione, tra cui xilofoni, djembe, tamburi e strumenti per la produzione del suono, come la kalimba o “thumb piano”. La musica africana comprende generi come juju, fuji, highlife, makossa, kizomba, afrobeat e altri. La musica e la danza della diaspora africana, plasmata in varia misura dalle tradizioni musicali africane, comprende la musica americana e molti generi caraibici come il calypso e la soca. I generi musicali latinoamericani come lo zouk, la bomba, la conga, la rumba, il son, la salsa, la cumbia e la samba si sono basati sulla musica degli africani schiavizzati e a loro volta hanno influenzato la musica popolare africana. Il genere blues è probabilmente nato dalla fusione delle note blues africane con le scale cromatiche europee.

Come la musica dell’Asia, dell’India e del Medio Oriente, è una musica molto ritmica. La musica africana è costituita da schemi ritmici complessi, che spesso combinano un ritmo con un altro per creare una poliritmia. Il poliritmo più comune consiste in tre battiti suonati su due.

I musicisti africani cercano di esprimere la vita in tutti i suoi aspetti attraverso il suono. La musica dei nativi non ha una tradizione scritta; c’è poca o nessuna musica scritta da studiare o analizzare. Esistono sottili differenze nell’intonazione e nel tono che non sono facilmente traducibili in notazione occidentale. La musica africana è più strettamente legata alle scale tetratoniche, pentatoniche, esatoniche ed eptatoniche occidentali. L’armonizzazione della melodia si ottiene con il canto parallelo di terze, quarte o quinte.

Un’altra forma distintiva della musica africana è la risposta-risposta: una voce o uno strumento suona una breve frase melodica, a cui fa eco un’altra voce o strumento. La natura di risposta-risposta può estendersi anche ai modelli ritmici, con un tamburo che suona un modello ritmico e un altro che suona lo stesso modello. Inoltre, la natura della musica africana è molto improvvisata. Di solito viene eseguito un modello ritmico di base e poi i batteristi improvvisano nuovi modelli in aggiunta a quelli statici originali.

Pop musica Africana

La musica popolare africana, come la musica tradizionale africana, è vasta e varia. La maggior parte dei generi moderni di musica pop africana si basa sull’impollinazione incrociata con la musica pop occidentale. Molti generi di musica popolare, tra cui il blues, il jazz e la rumba, derivano in varia misura dalle tradizioni musicali africane trasferite nelle Americhe dagli africani schiavizzati.

I ritmi e i suoni di questi generi sono stati successivamente adattati in nuovi generi come il rock, il soul e il rhythm and blues. Allo stesso modo, la musica popolare africana ha preso in prestito elementi della musica occidentale, soprattutto in termini di strumenti musicali e tecniche di registrazione in studio.

Nostro Verdetto

In Africa, la musica e gli strumenti musicali africani sono profondamente radicati nella cultura, nella religione e nella storia del continente. Ogni strumento ha una propria storia e significato, rappresentando il passato e il presente del continente. La bellezza degli strumenti musicali africani e il loro fascino attirano l’attenzione di musicisti di tutto il mondo, che cercano di incorporare tali strumenti nella loro musica. Se sei un amante delle percussioni e delle batterie, non ti resta che sperimentare uno degli strumenti musicali africani a percussione. Apprendere nuovi strumenti ti renderà un artista completo e versatile!

Riferimenti

1.
Idiofoni - Wikipedia
Negli strumenti musicali denominati idiofoni secondo la classificazione Hornbostel-Sachs il suono è prodotto dalla vibrazione del corpo stesso dello strumento, senza l’utilizzo di corde o membrane tese e senza che sia una colonna d’aria a essere fatta vibrare.
2.
Senegal
Stato dell’Africa occidentale che si affaccia sull’Oceano Atlantico, all’estremità occidentale del continente africano, e confina a N e a NE con la Mauritania, a E con il Mali, a S con la Guinea e la Guinea-Bissau.
Commenti
+Aggiungere Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *